La storia della fotografia di matrimonio a Napoli

La storia della fotografia di matrimonio a Napoli

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

La nascita della fotografia la si deve al francese Nicéphore Niépce che ad inizio ‘800, dopo anni di studi e numerosi tentativi, riuscì ad imprimere alcune immagini su una lastra fotosensibile di sua invenzione.

L’usanza della fotografia di matrimonio, invece, in occidente e a Napoli, inizia a diffondersi solo diversi anni dopo, a circa metà ’800.
In quel periodo, infatti, l’uso della fotografia a tale scopo era scarsamente diffusa.

Ciò per due ordini di fattori: i costi di realizzazione, non sempre alla portata delle tasche delle coppie meno abbienti e, inoltre, il volume delle attrezzature fotografiche.
Queste ultime, infatti, non erano facilmente trasportabili da un luogo all’altro. Di conseguenza, gli sposini che desideravano farsi fotografare con gli abiti nuziali, dovevano il più delle volte recarsi presso uno studio fotografico.

Dal secondo dopoguerra a oggi

Le cose iniziano a cambiare radicalmente dal secondo dopoguerra in poi.
Sono questi, infatti, gli anni del boom economico che, come in occidente, anche a Napoli determina un generale miglioramento del tenore di vita della popolazione, e quindi del numero di sposi che possono permettersi di immortalare i momenti più importanti del loro giorno più bello.

Questi, inoltre, sono anche gli anni in cui vedono la luce le prime macchine fotografiche compatte con flash integrato.
Molto più maneggevoli delle scomode attrezzature fotografiche tradizionali, esse consentono ai fotografi professionisti di uscire dai propri studi e di recarsi in loco per scattare istantanee della cerimonia e del banchetto nuziale.

Il fotogiornalismo, affermatosi nel periodo della guerra, fa il resto: nasce l’album fotografico, che attraverso le immagini, racconta e immortala l’intera giornata del matrimonio: dai preparativi a casa degli sposi, alla cerimonia in chiesa, passando dal ricevimento nuziale fino al taglio della torta e all’ultimo brindisi a notte inoltrata.

E oggi? Oggi è l’era dei droni e dei servizi prematrimoniali, con i fotografi che si comportano quasi come registi, impegnati a dirigere le coppie di sposi sul set del giorno più bello della loro vita.

Ringraziamo Grande & Perna per la consulenza fornitaci per la stesura di questo articolo.

About Enrico Di Somma

Inserisci un commento