Dal Canada, arriva il Tessuto indistruttibile!

Dal Canada, arriva il Tessuto indistruttibile!

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

Il brand canadese Garrison Bespoke, ha ideato un nuovo tipo di tessuto altamente resistente che ha superato il kevlar, per vestibilità e praticità, pesando il 50% in meno e offrendo la stessa protezione.

Questo tessuto innovativo proveniente dal Canada, è ideale per l’ abbigliamento da lavoro, offrendo il massimo della resistenza e del comfort.

 

Che cos’è il Kevlar?

Il kevlar è una fibra sintetica, inventata nel 1965 da Stephanie Kwolek, una ricercatrice dell’azienda chimica DuPont.

Questo tessuto si caratterizza per la sua grande resistenza meccanica alla trazione, al calore e al fuoco consentendo di rinforzare giubbotti antiproiettile e attrezzature per gli sport estremi. Il kevlar viene impiegato in modo piuttosto ampio, anche per quanto riguarda ad esempio componenti di aeroplani, imbarcazioni e vetture da competizione.

 

Una valida alternativa per un abbigliamento da lavoro resistente!

Unico difetto del Kevlar è il peso; infatti l’azienda Garrison Bespoke ha proposto un tessuto più agevole da portare, soprattutto se si parla di abbigliamento da lavoro e accessori. Il tessuto ideato dal brand canadese è perfetto per rinforzare giubbotti antiproiettile per poliziotti, agenti infiltrati, giornalisti, Vip che hanno bisogno di sentirsi al sicuro, militari ecc; lo stesso tessuto può essere impiegato anche per comporre qualunque tipo di divisa, offrendo la indossa il massimo della resistenza e protezione.

Questa innovativa fibra è nanotecnologica, cioè composta da nanotubi di carbonio integrati che la rendono imperforabile, tant’è che si tratta della stessa tipologia tessile utilizzata dalle truppe durante la guerra in Iraq.

Lo sviluppo della linea ha visto la partecipazione del 19th Special Forces Group americano che l’ha adottata anche per il suo personale.

Authored by: Raul Pica

Lascia un commento